Crisi di un'ideologia

Autore: #Lorenzo Scoccati



“Una situazione del genere non è neanche immaginabile”.

Questo periodo di quarantena sta facendo emergere la nostra impotenza di fronte ad eventi più grandi di noi. La Natura, dall’alto della sua forza, rende inerme l’uomo e la sua voglia di prevalere su tutto ciò che lo circonda. Il paradosso e la fallacia della razionalità umana emergono quando, un fenomeno biologico come lo Spillover (illustrato da D. Quammen nell’omonimo libro del 2012), diventa risposta insoddisfacente per spiegare un nemico invisibile che ci obbliga a restare chiusi in casa, facendo al contempo a pezzi la nostra società.


In un articolo del 2015, uscito sul sito di informazione “aggiornamenti sociali”, R. W. McElroy, criticando le resistenze degli americani alla linea egualitaria del Papa, affronta una questione centrale: il dogma della crescita rende il libero mercato l’unico strumento di realizzazione sociale. La disuguaglianza diventa, così, una condizione necessaria per l’ottenimento della “crescita a tutti i costi”.

Nel 2000 il filosofo, Z. Bauman nel suo libro “La Modernità Liquida”, osava definire la post-modernità come una fase storico-culturale in cui la solidarietà cessa di essere il rapporto cardine delle relazioni umane. Darwinismo sociale ed individualismo personale si sostituiscono a quel naturale senso di assistenza, intaccando l’essenza stessa del nostro tessuto sociale provocando effetti a cascata sul senso di precarietà materiale e spirituale.


L’ideologia del mercato, oltre a contribuire alla creazione della precarietà individuale, ha dato anche autorevolezza e forza a tutti quei gruppi di persone interessati dal dogma della Crescita. Guerre ed epidemie sono state relegate, dalla nostra narrazione del mondo, a quelle aree cosiddette “sottosviluppate”, per le quali certi fenomeni diventano nell’immaginario comune come “normali” ed all’ordine del giorno.


Il virus ha messo in crisi questo sistema di intendere il mondo, spiazzando e rompendo i nostri riferimenti da un punto di vista culturale, psicologico ed anche sanitario. Possibile che la quarantena globale possa indurci a rivedere la nostra narrazione del mondo?



#Aula1240 #Bauman #SocietaLiquida #inequality #occidente #history #development #culture #society#economia #Spillover #DavidQuammen #ideology #covid19 #iorestoacasa #quarantenaglobale #diseguaglianze #mercatolibero #coronavirus #comunità #globalnorth #globalsouth #PassaportoFuturo


Iscriviti al sito

Seguici sui nostri canali social

  • Grey LinkedIn Icon
  • Facebook
  • Instagram
  • Grey YouTube Icona

© 2020 by H2C

logo_transparent_background.png