I tabù della lingua cinese

Autrice: #MargheritaRossi



Quante volte ci siamo ritrovati incastrati in una conversazione delicata senza accorgercene, e quante altre volte avremmo voluto fare un passo indietro per evitare di sfiorare determinate tematiche. Il problema si fa ancora più forte se ci mettiamo a confronto con una realtà così diversa dalla nostra: il mondo orientale, ed in particolare la Cina.


Gli abitanti di tale area hanno un profondo senso di rispetto e riservatezza radicato nel proprio essere, motivo per cui rifuggono dal porre domande scomode riguardanti l'età, la salute, la religione o le semplici dinamiche familiari.


Per trattare determinati argomenti, come ad esempio le malattie e la morte, non si parla mai direttamente del tema in questione bensì si usano sempre perifrasi o parole sostitutive, ad esempio facendo ricorso a modi di dire più blandi come “se n'è andato all'altro mondo”.


Tale comportamento è legato alla sfera della scaramanzia, parte integrante della vita del popolo cinese. Questo aspetto si ricollega anche alla simbologia dei numeri: “quattro” (四) è omofono di “morire” (死), motivo per cui risulta tabù e spesso non è presente neppure sui semplici pulsanti degli ascensori. Al contrario, il numero più fortunato è “otto” (八), con pronuncia simile al carattere associato alla ricchezza e al successo (发). Non a caso le Olimpiadi di Pechino hanno avuto inizio il giorno 08/08/2008 alle ore 8 e 8 minuti. Coincidenza?


Altri tabù interessanti e da evitare nel corso della conversazione sono il matrimonio e la politica, considerati argomenti sensibili. A questi si aggiunge anche, e in modo simpatico, l'allusione al ciclo mestruale femminile: le donne, infatti, per farvi riferimento utilizzano un vocabolario ambiguo e umoristico chiamandolo “quello” o “la prozia”, evitando il più possibile di menzionarlo pubblicamente.


I tabù linguistici sono perciò tematiche difficili da evitare se non se ne è a conoscenza, e inoltre capaci di causare grandi errori di comunicazione. La domanda di fondo però sussiste: è meglio confrontarsi con tali ristrettezze linguistiche rispettandole o cercare di sfatarle per non renderle più tabù?




#PassaportoFuturo #Chineselanguage #Informazione #Languages #Chinese #Translation #Studyingchinese #Lingue #Media #Approfondimento #Taboo #Learningchinese #Asia #Oriente #China #Culture #Society #Studyingchinese #Interest #Curiosity #Words #Iorestoacasa



Iscriviti al sito

Seguici sui nostri canali social

  • Grey LinkedIn Icon
  • Facebook
  • Instagram
  • Grey YouTube Icona

© 2020 by H2C

logo_transparent_background.png