Il Grinch degli economisti


Il Grinch insieme alla bambina in una scena tratta dall'omonimo film del 2000
Il Grinch, 2000

Hai già fatto i regali di Natale?

La tradizione dei regali di Natale ha ispirato i lavori di tanti economisti: tutti concordano sul fatto che il Natale produca effetti benefici all’economia in aggregato per una maggiore spesa in consumi della popolazione, ma dal punto di vista del singolo consumatore i regali di Natale rappresentano uno spreco di risorse.


L’economista Joel Waldfogel, già professore a Yale, nel 1992 ha scritto un saggio intitolato “The deadweight loss of Christmas”.

Avvalendosi di alcuni concetti microeconomici genera una teoria dell’inefficienza economica dei regali di Natale: ogni individuo tende a massimizzare il proprio benessere; è quello che accade in una normale transazione in cui il consumatore è disposto a spendere una somma pari all’utilità fornita dal bene che vuole acquistare. Ma quando si tratta di un regalo la situazione è ben diversa! Chi sceglie un regalo spesso lo fa senza avere le informazioni necessarie e rischia di non soddisfare il ricevente. La miglior soluzione è perciò trasferire un beneficio pari al valore speso, cioè azzeccare ciò che il destinatario avrebbe scelto se avesse speso per sé quei soldi: ogni scostamento da questo punto di ottimo si trasformerà in una perdita secca di valore tra quanto è stato pagato e quanto viene valutato dal ricevente.

Dall’indagine condotta da Waldfogel tra gli studenti di Yale è emerso che la perdita secca derivante dai regali di Natale raggiungesse il 30% quando a fare regali sono conoscenti, amici alla larga e parenti che non vediamo spesso.

Questa inefficienza non è infatti distribuita in modo uniforme: più aumenta la distanza sociale tra chi dona e chi riceve e maggiore sarà il rischio di sbagliare regalo e anche l’età è una variabile significativa.


La teoria di Waldfogel non tiene perciò conto dell’aspetto emotivo di un regalo, della cosiddetta magia del Natale, ma sembra piuttosto suggerire la pratica della “bustarella” dei nonni che con i loro soldi il giorno di Natale si assicurano la felicità dei nipoti.

Terrai a mente la teoria di Waldfogel durante l’acquisto dei regali?


Post recenti

Mostra tutti
Iscriviti al sito

Il tuo modulo è stato inviato!