Il vecchio coprifuoco

Autore: #LorenzoBruni

L'origine di una parola desuete tornata di moda nel 2020
L'origine di una parola desuete tornata di moda nel 2020

In questo momento di oggettiva difficoltà globale dovuta al Coronavirus, vi siete mai chiesti quale sia il senso vero e proprio, il significato delle parole che utilizziamo giornalmente (o quasi)? Termini come Lockdown, Social distancing, Smartworking, sembrano ormai aleggiare nel vocabolario italiano come se ci fossero sempre stati.


Tutti sappiamo che invece non è così, ma nella mente di ogni singolo si instaura quel meccanismo di volgarizzazione delle parole, come se fossero da sempre usate. I rispettivi italiani (coprifuoco, lavoro agile, distanziamento sociale) però stranamente, vengono usati molto poco, magari anche a causa del fatto che la corrispondente traduzione (pur quanto adattata sia) non ha lo stesso impatto dell’equivalente inglese.


Ma questo perché? Perché i nostri vocaboli non sarebbero davvero adatti a suscitare quasi istintivamente le “emozioni” che ci trasmettono i cugini d’Oltremanica?


La risposta sta nel significato originale e radicato delle parole. Prendiamo ad esempio il termine “coprifuoco”, che sentiamo dire sicuramente meno del corrispettivo inglese Lockdown: Infatti riguardo alla storia della parola italiana, dobbiamo scavare nel passato… e poi cosa c’entra il fuoco, e perché coprirlo?


Nel Medioevo vigeva l’usanza, al calar della sera, che il rintocco di una campana o lo squillo di una tromba segnalasse agli abitanti del paese l’obbligo di soffocare il fuoco sotto la cenere (metodo più rapido per spegnere i tizzoni ardenti senza generare fumo) al fine di evitare potenziali incendi accidentali. Per questo motivo, nel tempo, il termine ha preso un’accezione diversa, ma se ci pensiamo bene, rimane comunque il senso lato di “imposizione” allo scopo di prevenire un qualsivoglia tipo di male.


I media e il mondo di oggi, danno per scontato che basti ascoltare le parole che ci vengono giornalmente ripetute decine e decine di volte in questo tempo di difficile pandemia : forse, per capire più a fondo l’importanza della parola, non è importante anche sapere che tutto ciò che ci viene detto non ha sempre avuto lo stesso significato?

Post recenti

Mostra tutti
Iscriviti al sito

Il tuo modulo è stato inviato!