top of page

Islanda, maestra di ecosostenibilità



Esiste un paese in Europa che ha il 99,5% di energia proveniente da fonti rinnovabili.

L’Islanda infatti, nonostante la crisi finanziaria subita tra il 2008 e il 2011, a causa delle difficoltà nel rifinanziare il debito a breve termine delle tre principali banche del paese, ha saputo rialzarsi praticando politiche ambientali e facendo della natura un punto di riferimento per i suoi principali interessi.

L’obiettivo è quello di far diventare l’Islanda un paese “Carbon Neutral”, ovvero ad emissioni zero. Perciò, viene posta l’attenzione sull’utilizzo delle energie rinnovabili presenti nel territorio e fra queste spicca la geotermia.


L’energia geotermica sfrutta il calore presente negli strati della crosta terrestre e lo converte in energia elettrica riutilizzabile. In pratica, il terreno viene trivellato e il vapore che fuoriesce viene incanalato in tubature e inviato alla turbina che trasforma il vapore in energia meccanica. All’interno di questa turbina vi è un rotatore che converte l’energia meccanica in energia elettrica riemessa nella rete di distribuzione.


Vantaggi:

- Non si esaurisce ed è sempre disponibile. - Gli impianti non creano problemi acustici. - È meno pericolosa rispetto ai combustibili. - È a basso impatto sull’ambiente.


Svantaggi:

- Gli impianti arrecano un danno visivo sul paesaggio. - Gli odori emessi non sono piacevoli. - Non è facile trovare i giacimenti.


Questa è una fonte pulita e rinnovabile di facile applicazione per l’uso domestico e largamente diffusa nel mondo. In Italia le principali zone di alta geotermia sono in Toscana, fra Larderello, Radicondoli e il Monte Amiata, purtroppo troppo poche per dare un reale contributo. Secondo i geologi l’energia geotermica permetterebbe di dimezzare la spesa energetica del paese.

L’Islanda ha sicuramente la fortuna di avere le condizioni ottimali per sfruttare la geotermia, ma a differenza degli altri paesi ha la capacità di saper ottimizzare i benefici forniti dal territorio. Perché non prendere esempio da un paese tanto piccolo quanto all’avanguardia per il mondo delle energie rinnovabili?



Post recenti

Mostra tutti
Iscriviti al sito

Il tuo modulo è stato inviato!

bottom of page