top of page

La via della seta tra ieri e oggi


Il mondo nelle nostre mani: significativa immagine della mappa mondiale della via della seta
La via della seta tra ieri e oggi

Fin dall'antichità, esisteva un reticolo di strade, vie marittime e itinerari fluviali lungo il quale si snodavano i commerci tra l'Asia orientale e il Mediterraneo, attraverso l'Asia centrale e il Medio Oriente.

Il primo a dare un nome a questo intreccio di percorsi carovanieri e rotte commerciali è stato il geografo tedesco Ferdinand von Richthofen, nel 1877. Nell'introduzione alla sua opera Tagebucher aus China, parla infatti di una Seidenstraße: la "Via della Seta".

Perché questo nome? In memoria del fatto che l’Impero romano, nel corso del I secolo a.C., era diventato il maggiore importatore di seta dalla Cina, sfruttando proprio quei percorsi commerciali. Da Oriente a Occidente, e viceversa, la seta e beni d'ogni genere correvano da un luogo all'altro, insieme alle idee e alle culture che commercianti e viaggiatori portavano con sé.

Nel 2013, il presidente cinese Xi Jinping ha annunciato il progetto di una nuova Via della Seta: la Belt and Road Initiative (BRI). L'obiettivo non è solo quello di migliorare le reti di trasporto via terra e via mare; l’aumento della connettività va di pari passo con la creazione di zone economiche speciali, investimenti nel settore energetico e la realizzazione di grandi progetti infrastrutturali. In questo modo, la Cina mira a un miglioramento della sua sfera d'influenza politica, finanziaria e culturale.

E voi cosa ne pensate? Quali saranno le conseguenze che produrrà la nuova Via della Seta da un punto di vista degli equilibri geopolitici mondiali?


Post recenti

Mostra tutti

ความคิดเห็น


Iscriviti al sito

Il tuo modulo è stato inviato!

bottom of page