Riscatto della laurea, conviene?


Guida al riscatto degli anni di laurea ed alle recenti modifiche
Guida al riscatto degli anni di laurea ed alle recenti modifiche

Il riscatto della laurea è uno strumento fornito dall’INPS per potere convertire gli anni passati all’università in contributi ai fini pensionistici. Nella pratica, tale istituto si traduce nel versamento di una determinata somma in modo da equiparare, almeno a livello contributivo, il periodo di studio universitario a quello lavorativo. Tale strumento permette, dunque, di raggiungere anticipatamente il numero di anni di contribuzione necessari per ottenere la pensione.


Il calcolo del riscatto da versare

Vediamo insieme come determinare la somma da dovere versare nelle casse dell’INPS. L’ammontare può essere calcolato come prodotto di tre diversi fattori:

  1. Il salario lordo degli ultimi 12 mesi;

  2. L’aliquota contributiva relativa alla categoria del lavoratore (ad esempio 33% per lavoratori dipendenti);

  3. Il numero di anni da dovere convertire in contributi pensionistici.

Quindi, ipotizzando un salario di 25 mila euro annui per un lavoratore dipendente in possesso di un titolo triennale, l’ammontare totale da dovere versare ai fini del riscatto sarebbe pari a 24.750 euro, calcolato così:

25.000 (RAL) x 33% (Aliquota contributiva) x 3 (Anni di studio).

Per quanto questo ammontare possa risultare elevato, è importante sottolineare come convenga valutare questa opzione nei primi anni di carriera quando il salario risulta ancora relativamente contenuto.



Il riscatto agevolato

Il meccanismo del riscatto della laurea è stato modificato nel corso del tempo. Ad esempio, dal 2019 è possibile usufruire di una versione agevolata dello stesso che considera come RAL il valore del salario minimo della categoria degli artigiani e dei commercianti (pari a € 15.953 nel 2019), anziché il salario lordo del lavoratore negli ultimi 12 mesi. Questa fattispecie permette di abbattere il costo del riscatto a soli € 5.200 (per ogni anno di studi). In altre parole, comparando le due tipologie di riscatto, nell'esempio precedente il riscatto agevolato permette al lavoratore di risparmiare circa € 3.000 per ogni anno di studi (per un risparmio totale di € 8.956). E voi, avete mai valutato la possibilità di riscattare il vostro titolo di studi?




Per approfondire il calcolo del costo del riscatto vi consigliamo questo portale!


Post recenti

Mostra tutti
Iscriviti al sito

Il tuo modulo è stato inviato!