Perché le articolazioni non scricchiolano?


L'articolazione del ginocchio ha spazio
Lo spazio all'interno dello articolazioni

Vi siete mai chiesti perché le nostre articolazioni non scricchiolano durante ogni movimento? Potreste rispondere che invece lo fanno. Tuttavia ciò non sarebbe comunque un problema, a patto che ciò venga considerato da un punto di vista più ampio.

In corrispondenza delle articolazioni le ossa premono una sull’altra, e spesso accade che durante il movimento ruotino l’una sull’altra come, ad esempio, nel caso della flessione del ginocchio. Potreste pensare che questa rotazione causi della resistenza dovuta all’attrito e che le ossa possano scricchiolare, ma in realtà l’attrito rimane sorprendentemente limitato; ciò avviene grazie all'ausilio dell'estremità delle ossa, che sono rivestite di cartilagine, in quanto ultimo elemento sottoposto alla pressione. Essendo composta da gel, ovvero polimeri altamente carichi di acqua, essa è in grado di svolgere molto bene la funzione anti-attrito. Più specificatamente la superficie della cartilagine, data la proprietà dei gel di essere rivestiti da zone di esclusione, è in grado di produrre degli ioni idronio all’interno del liquido sinoviale, capace di allontanare le due superfici e garantire una certa distanza tra loro. Alcuni scienziati sostengono infatti che le due superfici articolari non si tocchino mai.

Affinché questo meccanismo di repulsione funzioni realmente è necessario che sia presente una barriera, la così detta capsula articolare, la quale circonda l’articolazione impedendo che le forze di repulsione si disperdano mantenendo un livello di attrito molto basso. Per questo motivo, generalmente, le nostre articolazioni non scricchiolano. Quando questo accade, il problema dell’attrito articolare non è solo una questione legata alle superfici cartilaginee e al liquido sinoviale presente tra di esse, ma potrebbe essere dato dal fatto che le due estremità che formano l’articolazione hanno perso la capacità rotatoria necessaria per il loro movimento.

Un esempio è dato dalla flessione del ginocchio, la quale necessita di specifici movimenti della tibia e del femore. Nel momento in cui vengono a mancare questi requisiti, il movimento del ginocchio risulterà alterato e quest’ultimo potrà manifestare qualche fastidio.




Post recenti

Mostra tutti
Iscriviti al sito

Il tuo modulo è stato inviato!