POS: quanto mi costi?

Autore: #GiancarloDeLuca


Il POS, dall’inglese Point Of Sale, è un dispositivo elettronico che consente il pagamento attraverso carte di credito, bancomat e prepagate. Con il POS siamo in grado di saldare il conto in modo più veloce e, per cifre basse, senza l’utilizzo del pin.


Ma chi offre questi servizi, e chi paga?

Tradizionalmente gli istituti bancari sono i principali fornitori di dispositivi POS, in questo caso l’esercente è vincolato ad avere un conto corrente presso la stessa banca fornitrice. I costi sono sempre a carico del commerciante e di norma si suddividono in: costo d’installazione, canone mensile e commissione percentuale su ogni transizione. Tuttavia, negli ultimi anni si sono sviluppati svariati servizi alternativi a quelli bancari (SumUp, Axerve, ecc.) che non necessitano di possedere un conto corrente in una determinata banca ma possono appoggiarsi su un IBAN a scelta. Questi portali inoltre prevedono l’azzeramento del canone mensile (SumUp), oppure delle commissioni percentuali (Axerve), risultando perciò più abbordabili per gli esercizi commerciali con fatturati modesti.

Rinunciando a qualche vantaggio offerto dagli istituti bancari come l’accredito in giornata (2/3 gg. con SumUp), o l’assistenza 7 giorni su 7 è dunque possibile risparmiare sulle spese relative ai pagamenti digitali, tuttavia dal primo luglio sono entrate in vigore importanti novità fiscali. Scopriamole insieme.


Dal primo luglio si può risparmiare su qualsiasi tipologia di POS utilizzato, il decreto fiscale 2020 introduce infatti un credito d’imposta pari al 30% per i costi relativi al servizio. I beneficiari del cosiddetto “bonus POS” sono tutti i commercianti, imprenditori e professionisti con un fatturato annuo massimo di €400.000. Questi potranno recuperare Il 30% dei costi per l’installazione e la gestione dei dispositivi mensilmente sottoforma di tax credit.

Se si vuole che il contante faccia spazio ai pagamenti digitali è necessario continuare ad intervenire in tal modo, facendo sì che questi servizi siano sempre meno gravosi sulle spalle di commercianti e imprenditori.




#PassaportoFuturo #Economia #Finanza #Tasse #POS #BonusPos #1Luglio #DecretoFiscale #Italia #Business #Commercio #PagamentiDigitali #Cashless #SumUp #Axerve #Banche #Commissioni

Iscriviti al sito

Seguici sui nostri canali social

  • Grey LinkedIn Icon
  • Facebook
  • Instagram
  • Grey YouTube Icona

© 2020 by H2C

logo_transparent_background.png