Brexit: Problemi di lingua nell’Unione europea

Autore: #LorenzoBruni





Il 23 Giugno 2016, il 51,9 % dei votanti nel Regno Unito si è espresso a favore dell’uscita dall’Unione europea. Dopo varie esitazioni, rinvii e bocciature, la cosiddetta Brexit è ufficialmente entrata in vigore dal recente 1 Febbraio 2020.

Di fondamentale rilevanza iniziano ad essere i dubbi e le incertezze che riguarderanno l’uso della lingua inglese, da sempre considerata come la più condivisa a livello mondiale, all’interno delle istituzioni europee. Il multilinguismo è un pilastro che caratterizza l’Unione sin dagli albori ed il Parlamento europeo ne è il principale mentore. Questo ha l’obbligo, in base agli statuti vigenti dell’UE, di tradurre i testi che vengono pubblicati da tutte le istituzioni europee nelle 24 lingue ufficiali. Di conseguenza, nasce l’esigenza di un servizio di traduzione e interpretariato di necessaria e vitale importanza, al fine di garantire l’uguaglianza totale tra tutti i paesi componenti, dalla Germania a